Le delusioni prima o poi, arrivano.

Le delusioni prima o poi, arrivano.


Notice: Trying to get property of non-object in /var/www/crossfit-lugano/web/wp-content/themes/betheme/includes/content-single.php on line 171

Diciamocelo francamente; per quanto pensiamo di essere arrivati ad un buon punto nelle nostre performance sportive, arriva sempre il momento in cui si presenta una delusione. Succede ad esempio che nonostante tutto l’impegno che abbiamo profuso, qualcuno consegue un risultato migliore del nostro oppure che facciamo meno di quanto ci eravamo prefissi di fare. Prima o poi la delusione è inevitabile ma invece di viverla come un momento negativo nel quale magari sentirsi inadeguati o pensare che i nostri sforzi non sono serviti a nulla e magari demotivarci, la delusione dovrebbe essere un punto di partenza ed un momento di riflessione.

Dato che nessuno è invincibile le delusioni sono anche un modo per riportarci con i piedi per terra e ridimensionare le nostre aspettative o quelle che gli altri hanno riposto in noi. Ciò che facciamo lo facciamo prima di tutto per noi stessi e non per gli altri ma nonostante questo è facile lasciarsi convincere del fatto di essere in grado di raggiungere certi obiettivi anche se oggettivamente non siamo ancora pronti per farlo: va bene l’entusiasmo e l’ottimismo ma non va bene lasciarsi influenzare dalla percezione che gli altri hanno di noi perchè a volte le aspettative possono essere superiori alla nostra effettiva capacità di soddisfarle.

Le aspettative sono ovviamente ciò che genera le delusioni e la mancanza di umiltà e realismo nel crearsele porta inevitabilmente ad una delusioni. Questo non significa che non ci si debbano creare delle aspettative ma semplicemente che dovranno essere realistiche e tenere conto della reale situazione. Puntare al ribasso è una possibile strategia anti delusione perchè qualunque cosa arrivi è sempre meglio di ciò che ci si aspettava ma attenzione e non peccare di modestia perchè essere realistici e sapere cosa aspettarsi è qualcosa che sta nel mezzo tra sopravalutarsi e sottovalutarsi. Senza il giusto equilibrio la delusione arriva puntuale.

Certo una delusione brucia e quando la si incontra la sensazione che provoca non è mai molto piacevole ma invece di farci abbattere proviamo a chiederci dove abbiamo sbagliato, anzi, dove potevamo fare meglio perchè partendo dal presupposto che la perfezione non esiste, vi sono sicuramente ulteriori margini di miglioramento sui quali lavorare. Se invece siamo convinti di aver dato il meglio allora ecco che abbiamo appena sbattuto contro uno dei nostri tanti limiti che sarà un punto di partenza su cui lavorare per superarlo.

//]]>